PERU', i progetti

PERU’ CASA-FAMIGLIA “HOGAR” - Euro105 semestrali
La casa-famiglia Hogar di Chiquian è un’istituzione fondata da Suor Edvige Contardo per occuparsi di piccoli rimasti orfani o abbandonati. Ha ottenuto un riconoscimento ufficiale ed accoglie bambini affidati dal tribunale per i minorenni. Responsabile è Suor Dora, dinamica religiosa peruviana, diplomatasi infermiera a Novara e affettuosa mamma di questa famiglia; viene affiancata da Suor Francisca e la volontaria Elena (ora rientrata in Italia), giovane e capace volontaria italiana.
In casa regna il clima sereno e caloroso di una vera famiglia e i più grandi si occupano dei piccoli con affetto di fratelli maggiori. . C’è la più grande attenzione ai problemi di ciascuno: quand’è necessario ci si rivolge ai migliori medici specialisti e in alcuni casi allo psicologo, senza farsi scoraggiare dalle quattro ore di corriera che separano Chiquian dalla città di Huaraz o dalle nove ore di strada per Lima. Le prime ragazzine accolte sono ormai grandi, la maggiore frequenta l’università a Huaraz e torna solo per le vacanze. Il più piccino ha solo pochi mesi.

Qui potrete torvare un pdf stampabile che illustra questa iniziativa


Le ragazze più grandi di casa Hogar, vestite per una danza tradizionale, con gli ultimi bambini accolti.

 
   

Referente: Suor Dora Chavez

 

PERU’ PROGETTO MAGGIORENNI
Le ragazzine di Casa Hogar crescono e nasce la preoccupazione per il loro futuro: dove andranno, troveranno lavoro, potranno continuare gli studi? Si può fare qualcosa di più per accompagnarle verso una realizzazione personale e professionale piena? C’è il rischio che trovandosi sole perdano i punti di riferimento a cui affidarsi quotidianamente, il confronto con la “famiglia” che hanno trovato all’Hogar di Chiquian, l’appoggio e l’aiuto delle altre “sorelle”. Da qui nasce l’idea di farle rimanere in “famiglia” sotto l’aspetto psicologico e creare un gruppo di giovani donne che, con responsabilità e maturità cerchi di affrontare il futuro; il che consiste nello studiare e nel lavorare per mantenersi cercando di maturare nel modo migliore. È stato possibile iniziare questo progetto nella missione di Huaraz (che è la città più vicina a Chiquian) dove costruire alcune stanze, una sala con macchine da cucire e fare in modo che nel tempo in cui le giovani non devono studiare, possano imparare una professione per mantenersi all’università.
Tre giovani, due ragazze e un loro fratello, hanno già iniziato questo percorso: sono iscritti all’Università e fanno piccoli lavori per autofinanziarsi. Sono ospitati dalle “Ministre della Carità di San Vincenzo de Paoli”, le consorelle di Suor Dora. Consideriamo questa soluzione ottimale per questi giovani e cerchiamo nuovi sostenitori per portare avanti il progetto.
Referente: Suor Dora Chavez

BORSA di STUDI SUPERIORI per le “SORELLE MINISTRE DELLA CARITA’ di SAN VINCENZO DE PAOLI”
Dopo aver offerto amorosa accoglienza e attenzione spirituale in un ambiente familiare ai bambini di Casa Hogar “San Vicente de Paúl” a Chiquián, è ora urgente fornire loro un sostegno psicologico professionale, poiché i bambini portano molte ferite per la situazione di abbandono in cui sono vissuti prima di giungere all’Hogar, ferite che devono essere sanate affinché possano accettare la loro dolorosa storia personale. I frequenti viaggi fino a Huaraz (a 4 ore di strada) per recarsi dallo psicologo, sono faticosi, costosi, ma necessari. Per questo motivo proponiamo di sostenere gli studi universitari in Psicologia di due giovani suore collaboratrici di Suor Dora, perché il delicato lavoro che svolgono richiede competenze specifiche al servizio di bambini in condizione di estremo disagio familiare e sociale.
Il Corso di studi in Psicologia presso l’Università di Lima ”Marcelino Champagnat” ha una durata di 5 anni e un costo che si aggira attorno ai 3.600 euro all’anno.
Referente: Suor Carmen Figuerroa Balarezo

 

PERU’ “COMEDOR”: sostegno alimentare - Euro 105 semestrali
Nelle Ande peruviane della Cordillera Blanca i bambini e i ragazzi delle scuole spesso non hanno nulla da mangiare al termine delle lezioni; li accolgono con un pasto caldo le mense di Huaraz e Chiquian, fondate e gestite per quasi trent’anni da Suor Edvige Contardo.
Pane Condiviso prosegue la collaborazione con le sue consorelle peruviane per un totale di circa 250 pasti quotidiani.
A differenza di altri progetti di "Pane Condiviso", è previsto l'invio del nome e della fotografia di un bambino, ma non è previsto il contatto diretto tra la famiglia adottante e l'adottato. Si tratta dell’adozione ideale: la povertà generalizzata non permette di scegliere un bambino da seguire singolarmente quando tutti i bambini hanno le stesse necessità. Suor Edvige non respingeva nessuno, né d'altra parte sarebbe riuscita a tenere precisi elenchi e curare la corrispondenza; dedicava il tempo della sua vita alle necessità essenziali dei suoi amatissimi poveri: bambini, ma anche anziani soli. Con il progetto Comedor si sostengono anche le quotidiane emergenze che si presentano: un paio di scarpe, il latte per i neonati delle mamme che non possono allattare, la sepoltura di un vecchio abbandonato.

A Huaraz pranzano ogni giorno circa 150 persone, il numero è variabile. E’ richiesto un piccolo contributo. I ragazzi delle superiori pagano un sol e mezzo, i bambini della materna e delle elementari mezzo sol (un sol vale 25 centesimi di Euro). Circa una ventina non danno nulla, perché non possono.
Il Comune contribuisce con due sacchi di riso e 5 litri di olio al mese, la metà del riso necessario.

Lo stato dà un piccolo contributo e una due volte all’anno l’organizzazione salesiana Mato Grosso fornisce qualche derrata, il resto è affidato interamente a Pane Condiviso, all’orto e agli animali da cortile di “Casa Emmaus”. Il pranzo è costituito da una pietanza accompagnata da riso.
I bambini che lo desiderano ricevono un’altra razione e un’altra ancora: le suore sanno che spesso è l’unico buon pasto caldo della giornata, perché il rincaro dei prezzi crea grosse difficoltà alle famiglie.

 

Al Comedor di Chiquian mangiano circa 80 bambini e 20 anziani. Negli anni scorsi erano di più. Ora sono stati aperti altri refettori in paese e i bambini si sono diminuiti, mentre aumentano gli anziani. Alcuni bambini si fermano alla refezione ma sono pochi. I più prelevano il pranzo e lo portano a casa per tutta la famiglia. Quelli che possono danno un minimo contributo, ma non tutti. Le ragazzine dell’Hogar e altri scolari volenterosi portano il pranzo agli anziani che non possono arrivare al Comedor. Oltre al pasto quotidiano i bambini necessitano anche di vestiario e del necessario per la scuola e Suor Dora provvede con il vostro aiuto.


Chiquian: le consorelle di suor Edi, la volontaria italiana Elena, e il piccolo Josepino

 

Chiquian: la mamma di Carmen Rosa, Suor Carmen e Suor Alicia

 

Chiquian: ampliamento del Comedor, centro diurno per anziani attualmente terminato e in funzione

Referente: Suor Carmen Figuerroa Balarezo

 

PERU’ ADOZIONI A DISTANZA “EL AYNI” - Euro 105 semestrali
Suor Magloria cura per “Pane Condiviso” queste adozioni nel quartiere di Armatambo, una periferia della capitale peruviana. Qui si trovano famiglie in situazione di disagio, spesso donne sole con più figli da crescere. Il maglificio El Ayni dà lavoro a queste persone, secondo un progetto a suo tempo avviato dall’Università di Lima, poi interrotto per mancanza di fondi. Una equipe di due psicologi e un dottore in economia prosegue privatamente questo lavoro di promozione umana.
Il sostegno offerto ai bambini permette loro di frequentare la scuola.

Una famiglia sfrattata, accolta all’ultimo piano del maglificio El Ayni

Lavoratrici del maglificio con una bambina del progetto “adozioni scolastiche”

Le abitazioni dei bambini di El Ayni ad Armatambo, Lima Il quartiere di Armatambo, Lima

Referente: Suor Ana Isabel e Josè Zubieta

 

 

PERU' BORSA DI STUDIO intitolata a "SUOR EDVIGE CONTARDO" - offerta libera
Sostiene bambine e bambini poveri e meritevoli dell'istituto scolastico "Mons. Libardoni" gestito a Lima dalle consorelle di Suor Edi.
A causa del fenomeno di progressivo impoverimento delle classi medie, molte famiglie si vedono costrette a ritirare i bambini da scuola, non potendo pagare le rette. La borsa di studio "Suor Edvige Contardo" consente il proseguimento degli studi nell'istituto aiutando assieme agli studenti anche le Suore che vedono assottigliarsi notevolmente le liste degli iscritti e che nella scuola hanno il loro campo di impegno educativo e la loro fonte di sostentamento. Recentemente, grazie alla generosità dei nostri sostenitori, è stata donata all’Istituto Libardoni l’aula informatica.

   
Lima: Aula di Informatica    

Referente: Suor Carmen Figuerroa Balarezo