..:: News ::..
_______________________________________________________________________________________________________________

24 giugno 2016

Carissimi Amici di Pane Condiviso,
con grande dolore dobbiamo dirvi che la nostra cara Suor Anna ci ha lasciato.
La triste e improvvisa notizia ci è giunta da Haiti. Suor Anna è stata ricoverata nella giornata di mercoledì, in seguito ad un malore e giovedì sera è mancata.
Per tutti noi è stata un esempio, per tutti ha avuto parole di conforto e di incoraggiamento. La sua grande fede e il suo rapporto speciale con Gesù, hanno arricchito anche le nostre vite. Ci lascerà un grande vuoto, ma se sappiamo fare tesoro di tutto ciò che ci ha detto a parole e con fatti concreti, sarà come averla ancora accanto.

Vi comunicheremo orari e luoghi per ricordarla con una Santa Messa.

Un abbraccio a tutti
Ivana Mary Agosto

leggi Chi era Suor Anna --->

12 gennaio 2016 2015 Telefonata con suor Anna
Il 12 gennaio 2010 una scossa di trentatré secondi, di una magnitudine di 7 gradi sulla scala di Richter, accusano un bilancio catastrofico: 200.000 morti, 250.000 feriti, e più di 4000 mutilati fisici. Milioni di traumatizzati psicologici, 1,5 milioni di persone senza abitazione, più di 500.000 si sono spostati, non si contano le perdite materiali e dei drammi a dimensione individuale, familiare, relativa all’organizzazione e nazionale.
(tratto da un giornale haitiano)

Oggi 12 gennaio 2016 sono trascorsi 6 anni dal terremoto che ha colpito Haiti.
Al telefono Suor Anna oggi mi dice :
“Un caro saluto a tutti i nostri sostenitori ! La chiesa questa mattina era piena ed era commovente vedere tanta partecipazione, tanta emozione ! Si sono intonati molti canti a ricordare tutte le persone decedute in seguito al terribile sisma !
Qui un nuovo virus ; Zika, ha colpito molta gente, un virus un po’ diverso dallo scorso anno ma ha ugualmente colpito quasi tutto il paese. Questo virus arriva dall’ Africa ed è trasmesso da una zanzara. Causa febbre, dolori articolari, molta debolezza. Gran parte della Comunità ed io per prima, siamo già state colpite. Ti lascia molta stanchezza e spossatezza. Qui il Paese va sempre più giù, scende anche il valore della moneta, tutto costa carissimo. Certi giorni ci danno l'elettricità solo per due ore !
Per fortuna che la nostra Casa è ben fornita di fotovoltaici e invertitori e la casa delle bambine non rimane mai al buio, ... Ma le nostra missione molto spesso si ! Abbiamo dovuto cambiare le batterie dei vari gruppi e sono molto costose ! In questo momento la Missione si trova ad affrontare anche questa difficoltà ...allora ringrazio la Parrocchia di Udine , che in questo momento provvidenziale arriva la sua generosa donazione ..la useremo per questo ! Indispensabile anche per il frigo, dove abbiamo il cibo delle bambine e deve essere sempre in funzione !
Il giorno di Natale é nata con parto cesareo, Sergie Cristi Anna, la bimba della nostra cara Tania . Sono felici e tutto va bene.
Mi duole che non vi siano giunti i miei auguri per Natale !
Un caro saluto a Voi tutti che sempre ci sostenete nelle nostre miserie. Vi abbraccio con affetto.

Suor Anna D’Angela

 

Giugno 2014

Cité Militaire, Giugno 2014
Carissimi Amici e Benefattori,
come d’abitudine alla fine dell’anno scolastico vi raggiungo con le nostre notizie e con i nostri sentimenti di gratitudine, che sento il bisogno di esprimervi a nome della Comunità e dei nostri destinatari, per il vostro encomiabile sostegno e accompagnamento nella nostra missio-ne in Haiti. Lo faccio volentieri, anche se probabilmente avremo l'opportunità d'incontrarci o almeno telefonarci in Italia.
Abbiamo iniziato l'anno scolastico con la gioia di ritrovarci assieme, con collaboratori, parenti e alunni, tutti animati da buona volontà per trovare al massimo i frutti sperati in questi nove me-si che ci stanno davanti. Ma al medesimo tempo avevamo anche delle preoccupazioni: pochis-sime speranze d'aiuti per un normale funzionamento della refezione scolastica! Ma poi, come già sapete, tutto è andato a posto, grazie al vostro generoso intervento.
Gli aiuti da voi generosamente donati alla voce ”emergenza”, ci sostengono inoltre nella manu-tenzione e riparazione di tutti gli impianti; quello elettrico in particolare che, a causa degli sbalzi di tensione, subisce continui danni che si ripercuotono anche sull’impianto solare.
Abbiamo completato la costruzione di una casetta e tante piccole riparazioni, oltre all'aiuto prezioso e costante verso i mille bambini che frequentano la Missione.
Purtroppo con il passare dei mesi abbiamo incontrato altre difficoltà dovute alla poca salute di alcune suore che sono state sostituite e questo ha creato nelle bambine delle problematicità di adattamento alla disciplina abituale dell’internato. Si è aggiunto poi il grave virus che ha colpito anche Haiti dopo aver toccato le altre isole dei Caraibi, dovuto a una zanzara dell’Africa e sco-nosciuta fino ad ora "chicungunia " che ha colpito il 98% della Missione, io per prima, ma le bambine sono quelle che hanno sofferto di più, febbre alta e molti dolori articolari, colpite pure le vie respiratorie. Comunque malgrado queste circostanze tristi siamo arrivate alla fine dell’anno, i bambini sono ben concentrati, chi per l’esame di stato, quinta elementare, medie, ed esami di fine anno per il resto della scuola, con tanta buona volontà e concentrati per ottenere ottimi risultati dopo lo studio di un anno.
Che il Signore vi benedica tutti e vi sostenga in tutti i vostri bisogni. Con tanto affetto

Suor Anna D’Angela

Novembre 2012
...al telefono Suor Anna ci racconta la situazione attuale.

Il ciclone Isaac in agosto, il ciclone Sandy in ottobre, poi una tempesta tropicale!
Sono circa 54 i morti, molti i dispersi, (suor Anna dice, sono morti e chi li conta? ),
migliaia le capanne distrutte, si è interrotta la comunicazione con Santo Domingo per il
crollo di un ponte e ritorna prepotentemente il colera!
A causa del ciclone e delle tempeste, le scuole sono rimaste chiuse per due giorni
aumentando così la fame nelle famiglie.
Sono riapparsi gruppi di banditi che stanno spaventando e uccidendo la povera gente;
30 morti nelle sparatorie!
A ciò si aggiunge un’altra triste notizia: è mancata la nostra cara Suor Bertilla che per
anni ha diretto l’orfanotrofio e la scuola di Cap Haitien ed è stata la nostra preziosa
referente.
Alla fine di agosto Suor Anna ci aveva lasciato con parole di speranza, ma ora le
notizie sono queste: nel paese ancora si muore di fame… e quello che più ci ferisce è
che questo succede anche vicino alla nostra missione! Le suore non hanno occhi a
sufficienza, non hanno braccia per tutti; questo popolo con dignità soffre in silenzio e
resta muto senza fare una richiesta d’aiuto, …è così che poi sappiamo che la fame si è
portata via una mamma o una bimba.
Le suore fanno un lavoro meraviglioso; ora si occupano di un papà che, rimasto solo e
disperato, non bada più ai suoi figli; si prendono cura di una piccolina che, cresciuta, si
rende conto di essere sola al mondo e soffre di depressione; vanno in cerca delle
creature più svantaggiate che vagabondano per le strade. Cercano con dolcezza e con
fermezza di educare 105 bambine tolte dalle strade dove mendicavano! Le più grandi
danno vere soddisfazioni. Hanno finito la maturità e ora frequentano la scuola dei
salesiani nel pomeriggio; fra tre anni avranno il diploma statale di maestre elementari!
Al mattino si rendono utili nella missione occupandosi delle più piccole e iniziano a
fare pratica nelle classi insieme alle insegnanti. Suor Anna dice che il clima della casa
è veramente bello, sereno e disciplinato.
Rientrando in Haiti Suor Anna ha riempito il suo bagaglio di abitini che ci erano stati
donati per tutte le bambine e i bambini della missione:

Marzo 2012
Notizia bellissima , le campane finalmente sono arrivate a destinazione! Dopo anni di attesa le tre campane donate con grande generosità dai nostri sostenitori, hanno affrontato il lungo viaggio in mare e il 9 febbraio sono giunte in porto ad Haiti. Suor Anna era in attesa e ha controllato lo sdoganamento e trasferimento nella Parrocchia accanto alla Missione ! Grande gioia per tutti noi e soprattutto per gli haitiani che tanto le aspettavano . Ci piace molto l’idea che un po’ del nostro Friuli sia ad Haiti, Paese che amiamo e che aiutiamo da molti anni; ora saremo uniti anche dal suono di queste tre belle campane friulane !
I nostri progetti proseguono tutti regolarmente e abbiamo sempre qualche emergenza da affrontare, ancora bambini da accogliere, ancora bocche da sfamare, trovare riparo a mamme rimaste sole e disperate con i loro piccoli, ridare speranza ai ragazzi più grandi, e far sorridere quelli piccoli. Ci aiuta la vostra solidarietà e Suor Anna che con nuovo vigore affronta il difficile quotidiano.

15 dicembre 2011 ultime notizie da Haiti :
Al telefono con Suor Anna cerchiamo di sapere le ultime notizie per sentirci vicino a loro soprattutto in queste feste Natalizie ;
Ancora nuove iscrizioni alla Missione, bambini rimasti orfani con il terremoto.
Accolte tre sorelline di 5, 6 e 7 anni. Ora le Bambine recuperate dalla strada sono 105 e 48 di queste si fermano anche la notte nella Casa costruita per loro. Ogni mattina si recano nella Cappella ormai terminata per dire Grazie ai loro benefattori. Sono iniziati anche i corsi d’informatica nella nuova aula e tutti sono felici! Mancano ancora alcuni computer ma siamo fiduciosi e attendiamo con pazienza .
L’8 dicembre c’è stata la posa della prima pietra a Cruax des Bouquetes, per la costruzione di una casa per 150 bambine che hanno perso tutto con il terremoto.
I lavori per la costruzione delle casette iniziate il mese di agosto sono terminati ; avranno acqua e luce e Suor Anna prevede che l’ingresso possa essere per Natale ! Siamo felici di tutte queste belle notizie e attendiamo le foto per condividerle con tutti voi che ci avete sostenuto in questa ricostruzione dopo il terribile terremoto.
Grazie al nuovo Presidente che si era posto l’obiettivo “ Non più bambini per la strada ma SCUOLA per tutti ! “ ; sono stati tolti 142 mila bambini dalla strada e accolti in varie strutture per iniziarli alla scolarizzazione ; compito non facile ma del quale siamo tutti felici! Alcuni bambini saranno accolti anche nella Missione di Cap- Haitien , dove Suor Flora dal 23 di ottobre li accoglie e sostiene . (vedi lettera e foto alla voce “progetti”) .
Per quanto riguarda il nuovo progetto “Sostegno ai Corsi Professionali” , con gioia vi diciamo che sta avendo successo ! In molti hanno a cuore il futuro di questi ragazzi, e come dono di Natale o compleanno hanno scelto la solidarietà !
A TUTTI un grande GRAZIE !

13 Settembre 2011 - Il mio viaggio ad Haiti - di Ivana Mary Agosto
Carissimi, di ritorno da Haiti vi porto alcune notizie ;
dopo il lungo viaggio accompagnato da tempeste tropicali, ci siamo riabbracciate con Suor Anna !
La gioia e la commozione era tanta! Il paesaggio più triste che mai ! --->(leggi tutto)

Haiti Giugno 2011 - Nuovo gruppo per il progetto "Sostegno scolastico".

Il nuovo gruppo di sostegno scolastico: CILIEGIA


" Grazie al vostro aiuto tutti i bambini del gruppo "Pompelmo" potranno frequentare la scuola, ora vogliamo sostenere anche Merianise, Nahomie, Nadège, Romerson,..... e tutti i bambini di Citè Solei del gruppo "Ciliegia" . Grazie! il vostro contributo è prezioso per questi piccoli. "

Leggi il progetto Sostegno Scolastico nei progetti Haiti -->


 

17 maggio 2011 : Notizie da Haiti

.
Carissimi,
vengo a voi con un saluto e con l’augurio che il nostro “Notiziario Haiti- Perù” vi abbia raggiunti tutti. Ora stiamo organizzando l’incontro annuale per domenica 23 ottobre; nel frattempo vi aggiorniamo sulla situazione in Haiti.
Notizie da Haiti: venerdì 13 maggio ho fatto una lunga chiacchierata al telefono con Suor Anna: mi racconta che ora si respira una brezza di speranza, grazie al nuovo presidente Michel Martelly, il quale si pone con tanta umiltà e tanto amore verso il suo Paese e questo fa ben sperare.
Inoltre Suor Anna ringrazia e benedice il muro di cinta ricostruito che protegge la missione da furti e intrusioni infelici, cosa che invece stanno subendo le altre missioni che ancora non sono riuscite a riparare la recinzione. Leggi tutto il documento --->

News da Haiti: 15 dicembre 2010- telefonata con Suor Anna
Ho parlato ora con suor Anna, la sento molto stanca.
Mi racconta che la gente è arrabbiata per come hanno svolto le elezioni, con imbrogli così evidenti che erano ridicoli se la situazione non fosse così drammatica visto che si parla di persone ; persone che hanno sofferto e che soffrono, la fame prima, il sisma poi, e ora anche il colera! E’ gente sfinita da tutto ciò che sta succedendo e solo la carità di persone generose li sta aiutando!
Leggi tutto il documento --->

 

25 agosto 2010- telefonata con Suor Anna
Cara Mary,
è molto che non ti sento e desideravo dirti molte cose:
E’ quasi terminato il muro di recinzione, resta un piccolo pezzo e poi il lavoro sarà terminato; è bello! Una fortezza è splendido! All’esterno del muro, là dove era di confine con la gente che vive nelle baracche, abbiamo gettato un metro di cemento che serva loro da piccola strada da percorrere all’asciutto anche nel periodo delle piogge che altrimenti creano tutto un fango! La gente è felice per questo aiuto e noi diciamo grazie anche alla protezione civile che ci ha sostenuto per questo progetto ! segue--->

Notizie da Haiti-Telefonata con Suor Anna 2 agosto 2010
Suor Anna è rientrata dagli esercizi spirituali che si sono tenuti alla casa provinciale della capitale haitiana, con rinnovata energia per affrontare i nuovi lavori e le emergenze che quotidianamente si presentano.
“ Abbiamo qui un battaglione di operai , ed è tutto un cantiere; sono iniziati i lavori per la ricostruzione del muro, ci sono due gruppi su due lati, poiché la recinzione è molto lunga. Finalmente abbiamo rimosso i resti della costruzione crollata, scoprendo che le fondamenta e il pavimento sono intatti, questo ci invoglia a riprendere i lavori anche per questo progetto. Una grossa macchina sta scavando per i servizi igienici; dobbiamo fare in fretta poiché per l’inizio della scuola vogliamo che i lavori siano a buon punto. Sono in attesa dei permessi per iniziare la costruzione di due casette per famiglie di terremotati. Cinque delle nostre ragazze interne, le più grandi delle Bambine di strada, hanno dato oggi gli esami di maturità riuscendo molto bene. Sono rientrate felici con salti di gioia; come premio tutte in cucina per festeggiare! C’è ancora Tania, che cerca angolini riservati per ripassare; lei ha gli esami fra 15 giorni. Ho finalmente potuto parlare con il ragazzo gravemente ferito con il terremoto, e che era stato portato Santo Domingo per un delicato intervento. Desidera ritornare ad Haiti, dove ha ancora una sorella che lo aspetta! Sono soli, vanno ancora a scuola, non hanno nemmeno da mangiare e li aspetta una misera tenda! Come faranno?
Abbiamo qui una giovane donna con otto figli, rimasta vedova per la seconda volta, non sa dove andare! La sua figlia più grande è qui nella nostra scuola. Penseremo qualcosa per aiutare questa famiglia. Suor Oliva verrà in Italia nel mese di settembre, ha molto bisogno di riposo, è stanca e provata anche dalla scomparsa della cara mamma.
E’ arrivato il container! Con i vostri meravigliosi 63 colli !
Grazie di tutto e grazie a tutti, appena potrò vi manderò le foto! “

1 luglio 2010
Grazie alle vostre generose donazioni, abbiamo già riparato alcune delle strutture danneggiate all’interno della missione. Suor Anna, consorelle e bambine dopo 5 mesi di tenda, hanno ripreso a dormire all’interno della casa! Contiamo in breve anche di iniziare i lavori per rifare i servizi igienici.
Tramite un container abbiamo fatto una spedizione di 63 colli e con il vostro aiuto abbiamo così inviato abiti usati e nuovi, scarpe, stoffe e fili, … e 1000 scatole di matite colorate, 1000 quaderni e 1000 temperamatite, per il nuovo anno scolastico ai 1000 bambini che ogni giorno vanno a scuola alla missione!
Ci uniamo al GRAZIE che Suor Anna fa a tutti nella sua lettera, al GRAZIE di Suor Dora che estende a tutti i sostenitori e vi ricordiamo l’appuntamento per domenica 24 ottobre per l’incontro annuale che quest’anno si terrà a S. Margherita del Gruagno, Moruzzo - Udine.
Un caro saluto a tutti, con la promessa di risentirci sul sito se abbiamo novità .

Ivana Mary Agosto e Collaboratrici

10 giugno 2010: Lettera da Suor Anna
Carissimi ,
abbiamo ricevuto una lettera di Suor Anna ; desidera ringraziare TUTTI, e nell’impossibilità di farlo singolarmente lo facciamo attraverso il sito. Sappiamo che ci seguite numerosi, grazie ! Sperando che il nostro notiziario vi abbia raggiunti tutti vi salutiamo cordialmente. Suor Anna scrive:
Mi è tanto difficile esprimervi ciò che ho nel cuore! La complessività degl'interventi che portiamo avanti (distribuzione alimenti - medicine - indumenti , organizzazione cure sanitarie, riapertura scuola sotto le tende, ecc.) e l'atmosfera socio-economica degradante in cui ci muoviamo, non ci permettono di essere noi stesse ! Meno male che c'è anche I'altra parte della medaglia
- Sperimentiamo fortemente la presenza d'un Dio che ci ama.
- Sentiamo la vicinanza fraterna e concreta delle nostre Superiore.
- Beneficiamo,commosse,i frutti della vostra solidarietà quanto mai inventiva e generosa.
segue--->

14 maggio 2010 : Nuova telefonata a Suor Anna
Carissimi tutti,
abbiamo telefonato a Suor Anna, e ci ha dato proprio una bella notizia: sono INIZIATI I LAVORI DI RIPARAZIONE DELLA CASA SCUOLA E LOCALI della Missione! Due gruppi di operai, seguiti da un ingegnere, hanno dato inizio ai lavori che sono stati autorizzati dopo più perizie e supervisioni; non ultima anche Suor Anna segue il tutto!
Si dà inizio anche ai lavori di riparazione delle CASETTE danneggiate di alcune famiglie.
Abbiamo sentito Suor Anna un po’ raffreddata per prime piogge prese, sotto una grande tenda, dove scorre la vita e si tengono le lezioni, riprese il 6 aprile.
Con rinnovata gioia le suore accolgono ancora qualche piccola che ritorna, dopo che aveva abbandonato la missione per sfuggire dalla capitale terremotata!
Purtroppo con il passare dei giorni scopriamo che il terremoto ha fatto altre vittime fra le persone vicino a Suor Anna; la mamma di una bambina e un papà di un’altra piccola accolta alla Missione. Suor Anna ha aiutato anche in questi momenti dolorosi con un supporto affettivo ed economico. E’ mancato il marito ( anche lui medico) della dottoressa che seguiva nel dispensario della missione i “nostri “ bambini” … rimasta sola ora lascerà Haiti, con molto dolore da parte di tutti, poiché è oltretutto una ex allieva della scuola! Si confida al più presto nell’arrivo di un nuovo dottore che sarà mandato e autorizzato dal “Governo della salute”.
Dopo queste notizie, un po’ tristi e un po’ belle, ci rimettiamo tutte al lavoro e torniamo ai numerosi impegni dei quali vi rendiamo partecipi.
Vi comunichiamo inoltre che nella nostra sede potrete trovare il nuovissimo libro scritto dall’amico Alessandro Corallo, uscito il 3 maggio: “HAITI NON MUORE “
Un rinnovato grazie a chi ci segue con affetto e costanza.

Ivana

14 maggio 2010 : Corsa per Haiti
Cari Amici e Sostenitori,
un caro saluto a tutti, e vi comunichiamo che anche questa splendida
“ 18 ^ Corsa per Haiti “ è terminata. Con successo, con molti partecipanti, con il sole; tutto è andato per il meglio .
E’ una manifestazione importante che coinvolge molti partecipanti da più Paesi, un grazie ai numerosi volontari che offrono il loro aiuto e sostegno in mille modi !
( visita il sito www.corsaperhaiti.com)
L’Associazione continua con gli incontri e la raccolta fondi, stiamo inoltre preparando il notiziario con le ultime notizie su Haiti e Perù.
A malincuore scopriamo che parecchi donatori non ci hanno lasciato il loro indirizzo; a tutti dunque un appello; se desiderate avere notizie lasciateci il vostro recapito !
Abbiamo sentito telefonicamente Suor Anna: ci racconta della vita quotidiana sotto le tende, … e sarà così fino alla fine dell’anno; per fortuna la scuola è ripresa e quasi tutti i bambini sono presenti …. ma ora non vi diciamo di più e nei prossimi giorni spediremo il notiziario.
Ancora grazie a tutti . Un abbraccio . Mary Ivana Agosto

19 marzo 2010: 55 GIORNI DOPO
... una riflessione a voce alta sul dramma del terremoto
.... Ascolta-->

12 Marzo 2010: 50 giorni dopo
Carissimi Amici di “Pane Condiviso” ,
desideriamo ringraziarvi per averci sostenuto in tutti questi giorni difficili.
Abbiamo passato momenti di ansia, non avendo notizie, non potendo sentire la voce delle nostre care Suor Anna e Suor Oliva.
Linee interrotte, notizie drammatiche: abbiamo tutti temuto, abbiamo tutti sofferto e pregato per il popolo haitiano, con Suor Anna, con Suor Oliva.
Grazie per tutte le iniziative che sono state realizzate per aiutare questo popolo, grazie per la sensibilità e la generosità dimostrata, grazie per aver collaborato con noi, per sostenere la Missione in Haiti, punto di riferimento per più di 1000 bambini!
Abbiamo ricevuto 500 e –mail … ci siamo commosse davanti a tanta partecipazione!
Risponderemo a tutti, e ringrazieremo tutti i benefattori, vi chiediamo solo un po’ di pazienza.
Ora dopo più di 50 giorni, riusciamo a metterci in contatto telefonico con più facilità e siamo riuscite a far pervenire a Suor Anna parte delle offerte ricevute, per le prime necessità .
Non ci sono notizie nuove, sappiamo che:
la terra trema ancora, i bambini sono molto traumatizzati e le suore non sanno come riunirli nuovamente! Tutto il quartiere, circa 12000 persone, è ancora accampato nel cortile e nel campo di calcio. Temono aggressioni da gente esterna, poiché il muro alto di recinzione, che proteggeva dalla strada e dalle violenze, è in gran parte crollato e in più lati, mettendo così in pericolo le famiglie più esposte.
Suor Anna ci dice “ Non è il povero che ruba o fa violenze e imbrogli!”
Ora si teme per il periodo delle piogge che si avvicina.
Suor Anna dice che è la testa che deve cambiare e che ci vuole la conversione dei cuori: “ Preghiamo per questo!”.
Da parte di tutte noi, un rinnovato grazie, per seguirci con affetto e sostenere con noi i progetti di “Pane Condiviso”, per rendere concreto un aiuto ai tanti bambini che ora più che mai sono in grave difficoltà!

Ivana Mary e collaboratrici

8 marzo 2010 - Alessandro ci scrive :
Visitate il sito dell' associazione Kayla che sostiene suor Marcella Catozza, anche lei Missionaria ad Haiti.

 

6 febbraio 2010
Una nuova telefonata di Suor Anna

28 gennaio 2010 ore 22,00: telefonata con Suor Anna e Suor Oliva
Sono le ore 22.00 e riesco a prendere la linea. Con suor Anna c’è anche suor Oliva , ho così l’occasione di salutarla. Anche suor Oliva mi racconta della loro casa di Citè Solei, a pochi kilometri di distanza, che non è crollata, ma ha dei danni, anche loro dormono nelle tende, accampate nel cortile.
Anche suor Oliva mi ripete: “quanti morti, tanti bambini morti !”
Un abbraccio suor Oliva e fatevi coraggio, qui tutti vi sostengono!
Ci salutiamo …. Si sente un po’ di confusione e suor Anna che cerca di avanzare fra la gente … ed io me la vedo, là con il suo abito consumato ma lindo, in mezzo alla sua gente ….. “ Ciao Mary! Sono appena stata a prendere il carbone, perché ora si cucina nel cortile. Oggi hanno demolito ciò che rimaneva dell’aula d’informatica, poiché era in situazione di pericolo … ho sofferto un po’, ma poi penso che è una fortuna che non si sia fatto male nessuno! Qui tutto è distrutto, il 75 %- 100% delle scuole sono crollate! Chissà come faremo! Ieri sono rimasta troppo sotto il sole per distribuire il cibo, fa molto caldo 32 gradi, e nella sera non stavo molto bene, e per la prima volta ho dormito in tenda! Ho dormito bene, molto meglio che dormire nell’auto, le mie gambe stanno meglio, credo che ora andrò a dormire sempre in tenda! Gli aiuti arrivano dall’Olanda e domani si distribuirà; riso, olio, pesce, e fagioli alle 1400 famiglie che sono qui con le tende nei nostri cortili, e nel campo da calcio … in tutto saremo in dodicimila persone! È in nostro quartiere, tutti hanno paura e hanno lasciato le loro casette. E’ crollato anche parte del nostro muro di cinta … e siamo quasi sulla strada …. appena si potrà ripartiremo con i lavori, rimetteremo a posto per riaprire la scuola …. Abbiamo ancora scosse e dovremo pazientare. Rassicurate tutti che stiamo bene … Ciao, grazie, e un abbraccio a tutti. “
Noi diciamo GRAZIE a voi tutti, per non averci mai lasciato sole, e averci sostenuto con telefonate, lettere, iniziative di ogni tipo per raccogliere donazioni, poiché desideriamo riaprire la casa e la scuola delle bambine di Citè Militaire! Ci sarà molto da fare e contiamo sull’aiuto di tutti, la prima a darci l’esempio è suor Anna che, anche se la terra trema ancora, pensa alla ricostruzione, pensa a cosa faremo dopo! Siamo commosse dalla sua grinta, e dalla partecipazione di tanti sostenitori!

Ivana Mary Agosto e collaboratrici

24 gennaio 2010 ore 1,15: telefonata con Suor Anna
Finalmente abbiamo sentito Suor Anna! All’una di notte riusciamo a prendere la linea.
Suor Anna è sorpresa e la sento commossa! Anche io ho la voce rotta dall’emozione, cerco di riassumere le sue parole.
“ …. se tu vedessi … … quanti morti … tutto è distrutto … non ci sono parole, non si parla, ci si incontra, ci si abbraccia e si piange! Tranquillizza tutti che tutti stiamo bene. La maggior parte delle famiglie e bambini, hanno lasciato la città e sono andate verso Cap Haitien: cosa faranno là che c’è tanta miseria? … ma almeno sono più al sicuro! Tutta la gente del quartiere è accampata qui alla missione; è la nostra gente, ci conosciamo tutti e tutti siamo qui! Nel campo di calcio, nei nostri cortili, ovunque c’è gente accampata, hanno lasciato le loro capanne e sono qui. C’è tanta disponibilità, tutti sono bravi e si danno una mano! So che dicono che in città ci sono violenze e si ammazzano per il cibo … ma qui tutto avviene in buon ordine. Hanno formato alcuni gruppi e ognuno ha un capogruppo che si occupa dei rifornimenti: distribuisce viveri e acqua!
L’epicentro del terremoto è a 20 km da qui. Ci sono ancora molte scosse di assestamento e ci è proibito entrare nelle case !
È invece crollata la nuova costruzione dell’aula d’informatica che era già arrivata al tetto. È caduta su se stessa: vedessi…il tetto è intero ed è a terra insieme a quello che doveva essere il pavimento! Oggi ci hanno detto che dovremo rimanere così accampati nel cortile ancora per un mese, poiché prima di allora non si potrà intervenire sui fabbricati. Siamo uscite con l’auto: hanno iniziato a pulire le strade, le donne hanno ripreso a fare il mercato, in mezzo alle macerie si mettono con i loro cesti a vendere qualcosina. Nessuno rimane nelle capanne e la notte tutti dormono per le strade! A Port-au-Prince tu vedessi è terribile! Se penso a tutti i morti, tanti bambini, tanti ragazzi è una desolazione! La tua telefonata è giunta in un momento di sconforto, e mi fa un gran bene sentirti!
Ora ti faccio sorridere: qui con noi sono rimaste solo le piccole Edlin e Raffaelita . Quando la sera, stanca e con i piedi gonfi, mi siedo, Edlin mi massaggia i piedi con le sue manine! Tu vedessi quanto impegno ci mette e quanto bene lo fa!
Le dico: “Edlin sei troppo brava, dovrò pagarti per questo servizio !”.
Edlin mi risponde: “Noo! suor Anna io lo faccio volentieri per te!“
Rispondo: “Suor Anna cara, qui tutti preghiamo per voi, tutti cercano di fare qualcosa per Haiti; insegnanti e ragazzi nelle scuole, nelle Parrocchie, ditte e privati, famiglie e gruppi: tutti cercano di aiutare Haiti! Vedrai Suor Anna che Haiti rinascerà! Tante sono le persone e le famiglie che ci chiamano e ci telefonano per sapere come stai, come state, per darci un aiuto, vedrai che insieme ci riusciremo! Questa grande catastrofe ha scosso le coscienze di tutti, di chi non conosceva la situazione del Paese, e quelle di chi sapeva e nulla faceva ! Ti siamo tutti vicini, tieni alto il morale che qui si lavora tutti per voi ! Ti vogliamo bene! Ti porto i saluti di tutti e un abbraccio da parte di tutti. “

Ivana Mary Agosto

15 gennaio 2010
Sono le ore 22 e sono all’aeroporto di Roma, con mia figlia Laura ancora in attesa che il personale di Rai 1 ci venga a prendere. Da casa ci chiamano dicendoci che Suor Anna è al telefono ….. e così anche noi con il telefonino sentiamo in diretta il suo racconto:
“Sto bene e le suore qui tutte bene, Suor Oliva sta bene ….. tutte le bambine che erano qui sono salve! … qualcuna è andata a casa; chi poteva o chi abitava fuori città. La casa di accoglienza delle Bambine e la nostra casa hanno delle grosse crepe, mentre la nuova costruzione, che era arrivata al tetto, dove era prevista l’aula d’informatica e i pannelli solari, è crollata ….
Quando è venuta, la scossa ero sola in casa, nella saletta comune che si trova al secondo piano, dove scrivo le mie lettere e faccio la contabilità .. non so come non mi è caduta la libreria addosso, potevo rimanere schiacciata e nessuno mi avrebbe trovato … ma essendo caduti prima tutti i libri, mi hanno fatto da scudo dalla libreria che è caduta addosso ……
ora siamo accampati nel cortile della missione, le bambine nelle tende, io dormo in auto con suor Philomena …..e vigiliamo … siamo isolate all’interno della missione ma abbiamo abbastanza autonomia … non ci muoviamo, la gente si è riversata nelle strade che sono ormai intasate anche dalle macerie ….
La casa delle salesiane di Petionville è crollata ma le persone si sono salvate … Il nostro amico salesiano Padre Stra referente Unicef a Haiti è ferito, parte della loro casa è crollata e sono morti più di 200 ragazzi fra studenti e seminaristi.
E’ morto il vescovo, sono morte due delle nostre insegnanti, sono morti più di 40 caschi blu e anche il loro comandante …
Gli aiuti sono efficienti gli americani sono arrivati con portaerei ed elicotteri.
Daniel il nostro autista si è salvato con la moglie e i figli ma la sua casa è crollata e ha perso tutto ciò che aveva …
Serge il ragazzo che aiutate negli studi universitari è salvo, è già venuto a trovarci due volte …
Nonostante tutto il morale è buono … da subito ho pensato a voi e volevo tranquillizzarvi che stavamo bene e ho detto a Jean-Claude di telefonarvi, il ragazzo che vive con noi… anche lui ha rischiato, stava entrando all’università quando è crollata, è salvo per miracolo.. questa è la prima telefonata che riesco a fare ! Ho cercato di chiamare la mia famiglia ma non sono riuscita …. Dite loro che stiamo bene, un saluto a tutti e un abbraccio, facciamoci coraggio.”

Abbiamo cercato di riassumere le parole di suor Anna. L’abbiamo ascoltata con molta commozione, abbiamo fatto qualche domanda, chiesto ulteriori notizie, ma tutto ciò che sappiamo ora lo abbiamo qui riassunto. Un grande grazie a tutte le persone che ci sono vicine, con donazioni, preghiere, e lettere commoventi. La solidarietà di tutti voi ci da’ la forza per affrontare questa emergenza perché ci sarà molto da fare!

Ivana Mary Agosto

Qui potete ascoltare la telefonata di Suor Anna

 

15 Gennaio 2010
" Sono le 20.30 e ora mio trovo a Roma: domani mattina sarò ospite della trasmissione televisiva della Rai UNO MATTINA dove potrò parlare della nostra associazione.
Proprio ora ho ricevuto un messaggio da Haiti : fortunatamente anche Suor Oliva, per cui si temeva, sta bene ....
Un saluto e un grazie a tutti!"

Ivana Mary Agosto

 

14 Gennaio 2010 Ivana Mary Agosto ci scrive...
"…. Non so più come ci siamo sentiti dove eravamo rimasti … ma il ragazzo che ha telefonato ieri mattina per dirci “Stiamo bene, Suor Anna e le suore qui della casa stanno bene” ha ritelefonato anche ieri sera alle 19,30 circa per ripeterci le stesse parole! Noi lavoriamo e speriamo ! In attesa di nuove notizie ringraziamo tutta la solidarietà dimostrata dai nostri sostenitori e amici tutti ! Un GRAZIE e un abbraccio a tutti."

Stiamo organizzando un concerto per raccolta fondi che si terrà venerdì 5 febbraio alle ore 20,45 nell’auditorium di Feletto Umberto . In attesa della locandina vi invitiamo tutti a passare parola .

 

13 Gennaio 2010
Ieri purtoppo un violentissino sisma ha interessato l'isola di Haiti: il bilancio dei morti che la cronaca riporta è già di 100.000 .
Le notizie che abbiamo in questo momento da Haiti circa la missione di Suor Anna sono purtroppo ancora frammentarie. I figli di Ivana Agosto hanno contattato telefonicamente un amico che abita vicino alla missione che ha detto " Stiamo bene" ... ma altro non si sa.
Un mese fa è morto ad Haiti il giornalista Francesco Fantoli, che era la persona a cui Pane Condiviso si rivolgeva per aver notizie; in questo momento la sua mancanza è ancora più grave e triste...
In questa giornata l'attenzione dei media e di tante persone nei confronti della nostra associazione è stata molto grande: giornali, televisioni e tante persone hanno chiamato Ivana per domandare notizie e per esprimere solidarietà.
Pane Condiviso ringrazia tutti quelli che hanno chiamato e si sono interessati .

25 Dicembre 2009 Di ritorno dalla messa di Mezzanotte, telefoniamo a Suor Anna per fare gli auguri, a lei e tutte le sue consorelle.
“…. Siamo molto stanche ma felici! Ieri abbiamo distribuito riso e olio a 1500 famiglie!
Sono gli Stati Uniti che ci mandano e noi siamo ben contente di dare tanta gioia, ancora alla vigilia del Natale! Siamo state aiutate anche dalla Polizia, poiché questa distribuzione diventa pericolosa, con tanta gente che soffre la fame!
La fatica è ben ripagata, quando vedi la gente andare via stringendo le due bottiglie di olio, il sacco del riso e negli occhi la felicità!
… quando viviamo questi momenti, che ti appagano di tante tribolazioni passate qui, è allora, che dimentichi tutto, non senti stanchezza, e gioisci con loro!
… guardo la costruzione che cresce davanti a me … e dico “Signore io non ho fatto niente, sei Tu che hai fatto tutto e non penso ai debiti. Sono tranquilla ci pensa Lui.”
Auguri a tutte tutte, grazie per il lavoro che fate, preghiamo per voi.

Suor Anna

27 settembre 2009 - ci scrive Ivana Mary Agosto di ritorno da un viaggio ad Haiti ...
Carissimi,
sono ritornata ad Haiti dopo 6 anni, sono andata con la mia famiglia, non solo per rivedere il paese dei miei figli, ma anche per ritrovare Suor Anna e con lei dare uno sguardo ai progetti che abbiamo con “ Pane Condiviso”. Sono felice di aver visto Suor Anna molto bene, in forma e attiva come da sempre noi tutti la conosciamo. E’ stato bello trovare un po’ di pace, senza il terrore dei sequestri e delle sparatorie, l’angoscia quando nella notte si sentivano spari lontani ….. tutto questo oggi, agosto 2009, non c’è più !
Abbiamo avuto modo, accompagnati da Suor Anna di visitare la nuova costruzione della casa di accoglienza per le bambine di strada, così chiamate da noi, ma loro sono le “Bambine di Laura Vicuna”! Sono venute in 84, portandoci in dono i loro frutti esotici; mango, papaia, ananas, cachiman, grosse albicocche e piccole angurie …. erano il loro GRAZIE a tutti i benefattori e sostenitori del progetto! In tempo di vacanza, alcune mancavano poiché erano troppo lontane, ma una delle più piccole mancava perché non aveva un vestitino per la festa! Abbiamo visto il calore accogliente delle loro stanze, le attenzioni premurose delle suore verso tutte le bambine! Le più grandi badano alle più piccole, e insieme hanno danzato, cantato e recitato per noi! Accompagnate da un bel ritmo haitiano, suonato da Charles, ragazzo che studia gestione e contabilità, grazie all’aiuto di “ Pane Condiviso” e ama molto anche suonare! .....

Leggi tutto il documento --->

________________________________________________________________________________________________________________

 

16 ottobre 2008 - Lettera Sr Anna
Carissime/i Responsabili e membri dell’associazione PANE CONDIVISO
Per prima cosa desidero chiedervi d’unirvi a me per dire con San Paolo: “Benedetto sia Dio, Padre del Signore nostro, Gesù Cristo, Pieno di Misericordia .....

Leggi tutto il documento --->

2 luglio 2008 - Breve storia dell'orfanotrofio
Cap-Haitien si trova a nord di Haiti. E' la zona è la più povera, poiché verso le montagne c’è meno lavoro e più miseria.
Le missionarie salesiane hanno una casa sul posto e danno un grande aiuto alle famiglie di tante bambine che hanno bisogno di cibo, scolarizzazione, educazione, cure mediche, ecc. Ma tante bambine sono sole al mondo, completamente abbandonate a loro stesse.
Con Suor Anna nasce così l’idea di costruire un orfanotrofio su un terreno vicino alla casa delle suore....

Leggi tutto il documento --->

...da Lettera di Suor Anna 17 Marzo 2008

Carissima Mary ed amici di Pane Condiviso
E’ da tempo che non vi dò nostre notizie.
Qui i giorni si susseguono in un intenso lavoro per portare avanti tutte le nostre attività educative e di promozione sociale : scuola Elem. – Media – Professionale, refezione scolastica, bambine di strada (interne ed esterne) complessivamente un migliaio. Il nuovo Organismo internazionale che ....

Leggi tutto il documento --->

...da Lettera di Suor Anna "Tre cuginette che vivono una medesima storia"

Johanne, Fédline e Fabienne sono figlie di tre sorelle. Già da ragazzine queste tre mamme scelsero la strada come mezzo di sostentamento con tutto ciò che comporta di compromessi sul piano umano, civile, morale, sanitario, ecc. Tutte ebbero più figli, pur vivendo nelle medesime condizioni che offre la strada ; anche se al momento del parto si recavano sempre in un piccolo ospedale.
Però, pure per loro venne il momento in cui presero coscienza che bisognava evitare una simile vita per le loro figlie, che stavano crescendo.

Leggi tutto il documento --->